Marina di Casal Velino mare e portoMarina di Casal Velino mare e spiaggiaCasal Velino sulla collinaVela nel mare di Marina di Casal VelinoScavi archeologici di Velia Elea

Case vacanza

Veduta della casa vacanza Rosa sul Mare

Rosa sul Mare

Appartamento in villetta sul mare a Casal Velino Marina distribuita su due livelli

Veduta della casa vacanza Casa Deborah

Casa Deborah

Appartamento nuovo e climatizzato sul lungomare di Casal Velino Marina. Può ospitare 4 persone. Dotato di terrazzino arredato vista mare...

Veduta della casa vacanza Villa Ivana

Villa Ivana

Graziosa villetta a schiera in parco a Casal Velino. Ampi spazi all'esterno con giardino attrezzato, gazebo, barbecue...

Veduta della casa vacanza Ilenia

Ilenia

Casa per vacanze a Marina di Casal Velino per max 6 persone. A soli 50 metri dalla spiaggia e a150 dal centro.

Veduta della casa vacanza Appartamento 16

Appartamento 16

Appartamento per coppie con bambini a 200 metri dal mare. Dispone di tv, internet wi-fi, posto auto...

Veduta della casa vacanza Giardino dei Fiori

Giardino dei Fiori

Il Giardino dei Fiori si trova al primo piano di una villetta posta a 400 metri dal mare, dotata di 2 camere, posto auto e giardino...

Veduta della casa vacanza Gerbera

Gerbera

Appena fuori il centro abitato di Casal Velino Marina, Gerbera risulta una soluzione adatta ad ospitare fino a 4 persone in due diverse camere da letto...

News

Notizie - 30/09/2019

Conclusa la campagna di scavo al Tempio della Pace a Paestum

Conclusa la campagna di scavo al c.d. Tempio della Pace, l’edificio di culto romano di Paestum che ancora lascia tanti interrogativi aperti. Gli scavi sono stati diretti dal Prof. Jon Albers dell’Università di Bochum in Germania, con la partecipazione di studenti e dottorandi dal suo Ateneo e da altre Università, tra cui quella di Bonn.

Paestum_Tempio-della-Pace.jpgLa prima campagna di scavo dopo più di quarant’anni presso il più grande tempio romano di Paestum – città famosa soprattutto per i tre templi dorici d’epoca greca – non ha risolto tutte le questioni discusse ancora tra gli studiosi, quale per esempio la cronologia precisa delle varie fasi dell’edificio e il suo rapporto con l’impianto del foro, ma ha aperto importanti prospettive. Tra gli elementi nuovi più significativi, spicca una costruzione più antica emersa sotto l’altare del tempio, orientata in maniera leggermente diversa rispetto all’altare d’epoca romana e in linea con i templi greci, che potrebbe indicare una fase precedente del culto in quest’area. Inoltre, un frammento di una testa in travertino, proveniente dagli scavi all’interno del podio del tempio dove pare fosse stata depositata nell’ambito di lavori di spogliazione in epoca post-antica, testimonierebbe la ricca decorazione scultorea che adornava i capitelli del tempio c.d. della Pace, il quale sorge in mezzo ai monumenti dorici della città magno-greca.
“Chi ha costruito questo tempio – spiega il prof. Albers – doveva confrontarsi con la tradizione dell’architettura sacra greca che proprio nei templi dorici di Paestum ha trovato una delle sue massime espressioni; ciò potrebbe spiegare alcune peculiarità stilistiche dell’edificio più recente e della sua decorazione scultorea. Stiamo parlando di un tempio con colonne corinzie e capitelli figurati e con un fregio dorico, un po’ anomalo”.
Soddisfatto il direttore Gabriel Zuchtriegel, che sottolinea l’importanza della collaborazione tra Parco Archeologico e università: “Oltre ai vari Atenei campani abbiamo importanti collaborazioni con università straniere che rendono il sito un centro internazionale per la ricerca archeologica. Attualmente è in corso anche uno scavo dell’Università di Salerno nel Santuario di Athena e, stanno partendo gli scavi stratigrafici promossi dal Parco Archeologico nel quartiere abitativo, che, come sempre, saranno aperti al pubblico. La nostra missione consiste, a mio avviso, proprio in questo: far dialogare la ricerca archeologica con il grande pubblico”.
Per la realizzazione di scavi e restauri, il Parco Archeologico si avvale anche di fondi privati. Mentre il Pastificio Antonio Amato finanzia due borse di studio per giovani archeologi per la realizzazione di scavi nel Parco, il direttore ha appena lanciato una raccolta fondi sulla piattaforma Artbonus del Ministero dei Beni Culturali (Mibact), per indagare meglio l’edificio dorico di V secolo avanti Cristo di cui alcuni elementi smembrati sono stati recuperati a giugno 2019 durante lavori di manutenzione presso le mura antiche di Paestum.

Fonte: Museo Paestum
Notre Dame de Paris il 7 e 8 Marzo al Palasele di Eboli

Notre Dame de Paris il 7 e 8 Marzo al Palasele di Eboli

Cresce l'attesa per Notre Dame de Paris, l'opera moderna più famosa al mondo, il musical...

Renato Zero il 10 Gennaio al Palasele di Eboli

Renato Zero il 10 Gennaio al Palasele di Eboli

Il 4 ottobre uscirà “Zero il Folle”, il nuovo disco di inediti di Renato Zero,...

Modà in concerto il 10 Marzo al Palasele

Modà in concerto il 10 Marzo al Palasele

I Modà al Palasele di Eboli il 10 Marzo 2020: la band campione d’incassi è...

Eros Ramazzotti il 6 Dicembre al Palasele

Eros Ramazzotti il 6 Dicembre al Palasele

Eros Ramazzotti dopo aver attraversato l’Europa e toccato le principali città di Nord e Sud...

Marco Mengoni il 24 Novembre al Palasele

Marco Mengoni il 24 Novembre al Palasele

Marco Mengoni torna al Palasele di Eboli domenica 24 novembre 2019: una nuova data, che...

Paestum dietro le quinte: visite guidate ai depositi

Paestum dietro le quinte: visite guidate ai depositi

Visite guidate in italiano e in inglese per scoprire il “dietro le quinte” di un...

Paestum per tutti

Paestum per tutti

Architetture senza barriere con visite guidate al tempio di Nettuno e alla Basilica. Gli assistenti...

Segnala una notizia a Casalvelino.net

Promozione Case Vacanza nel Cilento