Marina di Casal Velino mare e portoMarina di Casal Velino mare e spiaggiaCasal Velino sulla collinaVela nel mare di Marina di Casal VelinoScavi archeologici di Velia Elea

Case vacanza

Veduta della casa vacanza Ginestra

Ginestra

Appartamento panoramico in villetta 7 posti a meno di 5 minuti dal mare di Casal Velino. Offre biancheria, tv, posto auto, spazi all'aperto...

Veduta della casa vacanza Casa Anna

Casa Anna

Appartamento 5 posti zona Porto a Marina di Casal Velino a soli 50 metri dal mare...

Veduta della casa vacanza La Rosa dei Venti

La Rosa dei Venti

Appartamento nuovissimo per 6 persone sul Porto di Casal Velino Marina. La spiaggia a 50 metri è raggiungibile a piedi

Veduta della casa vacanza Torre degli Ulivi

Torre degli Ulivi

Villetta con 2 appartamenti con vista panoramica, posto auto, giardino, barbecue...

Veduta della casa vacanza Domus Rosae

Domus Rosae

Residenza estiva per vacanze a Casal Velino con sistemazioni in stile rustico offre un panorama eccezionale che si apre su tutto il Golfo di Velia

Veduta della casa vacanza Casa La Zagara

Casa La Zagara

Appartamento nuovo sul lungomare di Casal Velino Marina con 2 camere da letto, 2 bagni, cucina attrezzata e parcheggio privato

Veduta della casa vacanza Appartamento 18

Appartamento 18

Appartamento per coppie con bambini a 200 metri dal mare. Dispone di tv, internet wi-fi, lavatrice, posto auto e giardino

News

Eventi - 18/02/2012

PARCOscenico: voci e colori nel Parco Nazionale del Cilento

Si apre il 18 di questo mese il Festival della Natura. E' promosso da un gruppo di comuni cilentani con Stio capofila. E proprio a Stio prendono il via le manifestazioni del prossimo weekend che prevedono canti popolari, assaggi di specialità del territorio e mostre dell'artigianato tipico cilentano. Domenica, con inizio alle 19,30, è previsto un concerto di Katia Ricciarelli. Un vero e proprio evento per le zone interne del Cilento. Meritano un plauso Paola De Roberto e Maria Rosaria Trama che ne sono le organizzatrici. L'evento recupera ed esalta il grande patrimonio ambientale del Parco Nazionale, a cui fa riferimento il pezzo che scrissi qualche tempo fa ma che è sempre attuale e per questo lo ripropongo.

Il Cilento è uno straordinario palcoscenico, dove da millenni uomo e natura, geografia e storia danno spettacolo prismatico di voci e suoni, colori e profumi nell'alternarsi cangiante delle stagioni. Basta accendere le luci della ribalta e la recita parte da sola: bella, ricca, varia, coinvolgente, entusiasmante. E sì, perchè i boschi dei monti con le sterminate faggete delle alture, i lecceti di media montagna, i castagneti delle falde a ridosso e a corona dei paesi accendono i riflettori del sole che filtra a lamine d'oro tra il fitto fogliame e rifrange luce su frutti e fiori del sottobosco e, se sbrigliati dalla brezza o squassati dalle raffiche impetuose di venti di tempesta, a seconda delle stagioni, fremono di vita e danno voce al fluire dei secoli: E narrano storie di legnaioli e carbonai alle prese con il pane stento in tutte le stagioni, di briganti al riparo dei covi a continua minaccia di giustizia sommaria, protettivi e generosi con i deboli, spietati con i potenti e gli arroganti, di pastori a guardia di armenti alla pastura brada di giorno e all'addiaccio gelido a custodia di stazzi di notte con la sola compagnia dell'alito caldo del cane amico e con la incerta coperta del tabarro di panno ruvido, di migrazioni bibliche lungo i tratturi della transumanza verso i pascoli della pianura ad animare poveri commerci di cagliati, lana di fresca tosatura e capretti ed agnelli belanti al sacrificio annunziato, ad illudersi al fiorire di nuovi amori; di artigiani alle prese con il miracolo di trasformare tronchi in botti e tini, rami in sporte, cesti e panieri e, all'occorrenza, in cucchiai da cogliere tome e ricotte fumanti di siero; di recenti escursionisti appassionati di trekking alla scoperta di paesaggi da brividi di piacere su cocuzzoli a volo d'abisso, a fremere di emozioni profonde alla visione di pianori di lavanda in fiore o di tappeti rosa/viola di ciclamini a festonare fossati umidicci o al riso odoroso delle fragoline a pigmentare di sangue le verdi barriere delle felci o alla mite vanità dei funghi che s'incappellano alle radici della macchia o delle castagne pigmentate, pulcini lustri a fuga dalla cova del riccio a spine d'oro un pò brunito. E sono concerti i canti della fauna che piroetta a slarghi azzurri d'infinito ed ha la maestà dell'aquila reale e del falco pellegrino o pigola alle nidiate dei passeracei o ulula con la fame del lupo a falcate soffici sulle nevi d'inverno e si muove con i passi felpati della volpe a caccia di pollai e grumisce con i cinghiali a devastazione di coltivi, ma incanta anche con la coda di champagne degli scoiattoli o incuriosisce nel letargo pacioso dei ghiri. Ed è musica il corso di fiumi e torrenti che caracollano a valle,s'inabissano e riemergono nei brevi tragitti carsici o si caricano di sali nelle grave e nelle grotte nel ventre nero della terra per esplodere con la gloria della luce nei capricci delle risorgive a cesellare stupende sculture di stalattiti e stalagmiti a materializzare cupole di chiese o minareti di moschee, scintillano in effimeri coralli d'argento a rompere e superare con fragore barriere di pietre levigate nei secoli e la musica rotola e si frantuma sotto ponti umbratili o in pozze lacustri regno di eserciti di trote sguscianti a gara d'arditezza vanesia nei colori cangianti o di lontre a timida fuoriuscita dalla tana lipposa. Oh, la bellezza sconosciuta della mia terra! Oh, la forza travolgente delle emozioni di una natura immacolata nella sua verginità! Oh, la ricchezza da immettere con intelligenza nei circuiti del ricco mercato dell'ecoturismo se solo si avesse la sensibilità di attivare una promozione tesa ad esaltare flora e fauna di un territorio che espone con generosità e naturale disinvoltura i suoi tesori! E non sono i soli, perchè sul territorio del Parco è vissuto e vive l'uomo,che, con fertile inventiva azionata dal bisogno,ha vangato, sarchiato, piantato, potato una flora per dare vita ad una agricoltura di sussistenza contando non sulla meccanizzazione, che ha toccato da pochi decenni e solo in parte il mondo dei nostri campi, ma sugli animali da soma, il nobile cavallo, il mulo testardo, l'asino paziente o sui buoi adusi al giogo dell'aratura e al triglio della pisatura. Straordinarie pagine della povera epopea della civiltà contadina!!! Ma dicevo della necessità di immettere tutto questo mondo ricco di emozioni e straordinario di sorprese nel circuito virtuoso dei mercati. Sarebbe compito primario del Parco, se si liberasse dalle asfittiche pastoie della burocrazia e dalle defaticanti trattative della brutta politica, e sbrigliasse la fantasia a costruire progetti a mettere in cantiere iniziative con le scuole per percorsi didattici capaci di stimolare i nostri ragazzi ad ascoltare le voci degli alberi e degli animali, con i contadini per rimettere in circolo vecchie colture diversamente destinate alla estinzione, con gli artigiani per esaltare quel che resta del miracolo della creatività delle mani. Il Parco è una miniera dove attingere a piene mani. Il Parco ha voci e suoni. Basta saperne cogliere le emozioni per chi lo abita e per chi lo visita e lo scopre e ne rimane affascinato e ci torna. Il Parco ha colori, profumi e sapori capaci di stimolare tutti e cinque i sensi. Basta accendere una telecamera ed uno spettacolo straordinario e coinvolgente va in video e in rete con effetti straordinari di ritorno di immagine e di fruizione. Nella pur giovane storia del Parco ce n'è traccia esaltante e feconda. Basta impegnare qualche ora e rivedere una o più registrazioni della fortunata trasmissione de "Il Parco delle meraviglie"A questo mira IL FESTIVAL DELLA NATURA, che va salutato con soddisfazione. Ma proprio per questo ritengo che sia un autentico SCANDALO e un DELITTO AMBIENTALE consentire che su questo territorio si autorizzi una DISCARICA o Polo Ecologico come viene burocraticamente definito, per indorare la pillola (ma la sostanza non cambia) che ne oltraggia e ferisce la BELLEZZA. Mentre scrivo mi giunge notizia che ci sarebbe un ripensamento e che il progetto verrebbe ritirato .Mi auguro che la notizia corrisponda al vero. Sarebbe un atto sensato. P.S: Nel mentre alcuni sindaci dei paesi del zone interne del Parco del Cilento si attivano per dare visibilità all'enorme patrimonio ambientale del territorio e monetizzarlo in chiave turistica con visite guidate lungo sentieri di penetrazione dal mare ai monti, "dal corallo al faggio", registriamo, in negativo, il quasi totale letargo della "governance" del Parco dei Lattari con l'acquiescenza e la latitanza dei comuni che ricadono nell'area protetta e che sono, tutti, terrazze di bellezza da visibilio spalancate sui mari dei Miti e della Storia, da Ravello,ad Amalfi, a Positano, ad Agerola, al Faito, che caracolla, quest'ultimo, sulle acque di Vico Equense, Sorrento e Capri. Forse amministratori ed imprenditori farebbero bene a pensare che non si può vivere a lungo solo di rendita e che anche il loro Parco dei Lattari, per il quale bisognerebbe fare una coraggiosa battaglia per trasformarlo da "regionale" a "nazionale", è un raro patrimonio "verde/blu", fatto di fondali marini e di pianori di montagna lungo "sentieri" che non a caso sono chiamati "degli dei"

Fonte: positanonews
Orari pullman Riag da Ascea ad Acciaroli

Orari pullman Riag da Ascea ad Acciaroli

I pullman e gli orari della linea RIAG da Ascea ad Acciaroli andata e ritorno....

Orari Italo da Sapri a Torino

Orari Italo da Sapri a Torino

Dal 14 giugno è attivo il servizio di alta velocità con i treni Italo che...

Orari Italo da Torino a Sapri

Orari Italo da Torino a Sapri

Dal 14 giugno è attivo il servizio di alta velocità con i treni Italo che...

Aliscafi Alicost da Salerno e Napoli per Cilento e Capri

Metrò del Mare 2020

Gli orari degli aliscafi Alicost dal Cilento per Capri, Amalfi e Positano...

Orari Frecciarossa da Milano ad Agropoli

Orari Frecciarossa da Milano ad Agropoli

Il servizio previsto da Trenitalia prevede una sola corsa a/r al giorno da Milano Centrale...

Orari Frecciarossa da Milano a Vallo della Lucania

Orari Frecciarossa da Milano a Vallo della Lucania

Il servizio previsto da Trenitalia prevede una sola corsa a/r al giorno da Milano Centrale...

Orari Frecciarossa da Milano a Sapri

Orari Frecciarossa da Milano a Sapri

Il servizio previsto da Trenitalia prevede una sola corsa a/r al giorno da Milano Centrale...

Notre Dame de Paris il 7 e 8 Marzo al Palasele di Eboli

Notre Dame de Paris il 7 e 8 Marzo al Palasele di Eboli

Cresce l'attesa per Notre Dame de Paris, l'opera moderna più famosa al mondo, il musical...

Eventi

Segnala una notizia a Casalvelino.net

Promozione Case Vacanza nel Cilento